Replica lavori strada di collegamento Forenza- Potenza/Melfi

Pubblicazione: 16 novembre 2017

viabilità


Appare quantomeno fantasiosa la ricostruzione prospettata alla stampa, si immagina dalla stessa ditta affidataria, in riferimento alla risoluzione del contratto di appalto dei lavori relativi alla strada di collegamento Forenza – Potenza/Melfi; lavori contrattualizzati nel 2009 per un importo di 7,9 M€.
E' la replica dell'Ufficio Viabilità e Trasporti della Provincia di Potenza in merito ai lavori sulla strada di collegamento Forenza-Potenza/Melfi. 
Si tenta di accreditare la tesi per cui la risoluzione del contratto sarebbe stata originata da una errata progettazione dei lavori e da una ancor peggior direzione degli stessi da parte dei tecnici all’uopo incaricati dall'Ente a seguito di regolare procedura di evidenza pubblica.
Nulla di tutto ciò.
Come può agevolmente evincersi dagli atti la Provincia di Potenza, in qualità di Stazione Appaltante, è stata costretta a disporre la risoluzione del contratto a causa dei gravi e ripetuti inadempimenti posti in essere dall’appaltatore che, oltre a causare abnormi e colpevoli ritardi nell’esecuzione dell’appalto, realizzava opere difformi da quelle affidate e violava ripetutamente le norme in materia di sicurezza sui lavori e le previsioni di contratto.
Tanto è stato accertato anche dall’Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC) che, improvvidamente chiamata in causa dallo stesso appaltatore, a conclusione di una complessa ed attenta ricostruzione degli avvenimenti, attestava (determinazione n. 23 del 23.11.2014) la correttezza dell’operato della Provincia nell’adozione degli atti di risoluzione contrattuale, risoluzione che l’ANAC evidenziava essere per l’appunto “….necessitata dalle ripetute e gravi disfunzioni dell’operato dell’ATI appaltatrice.”.