Dichiarazione del Vice Presidente Rocco Pappalardo su annuncio Bardi per Crob

Pubblicazione: 19 giugno 2023

Vice Presidente Rocco Pappalardo


ROCCO PAPPALARDO: Bardi annuncia la primavera per il CROB di Rionero. A Napoli direbbero: “chi fraveca e sfraveca, nun perde maje tiempo”.

“Il Presidente Bardi ha annunciato una nuova primavera per il CROB, nella speranza che non sia piovosa, turbolenta e incerta come quella che stiamo vivendo.
A quanto pare, sull'Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico di Basilicata pioveranno milioni di euro, saranno previste centinaia di nuove assunzioni, acquistate nuove attrezzature e anche i posti letto vedranno un incremento di oltre il 50%.
Un annuncio, "casualmente" a pochi mesi dalle elezioni regionali, -evidenzia il Vice Presidente della Provincia Di Potenza Pappalardo Rocco - per tentare di rianimare un fiore all’occhiello della Sanità lucana, fino ad oggi lasciato colpevolmente appassire proprio da questo Governo regionale, e che ha retto solo grazie alla resistenza, alla professionalità e al sacrificio personale dei suoi operatori.
Il 1 luglio dell'anno scorso partecipai anche io, come Presidente f.f. della Provincia di Potenza, - continua Pappalardo - al Consiglio comunale aperto organizzato dal Comune di Rionero per discutere dell’IRCCS-CROB di Basilicata e delle sue prospettive.
Ricordo una presenza massiccia di amministratori locali, provenienti un po' da tutta la regione, di sindacati, del personale e dell'allora Direzione dell'Istituto, oltre che dell’Assessore regionale Fanelli.
In realtà si trattò di un vero e proprio grido di allarme sulle tante criticità che ormai da tempo investivano la struttura.
In quell'occasione l’Assessore Fanelli, da pochi mesi nominato alla Sanità, prese impegni pubblici riguardo alla nomina del Direttore Generale e all’approvazione del Piano Sanitario regionale.
Ad oggi, a quasi un anno da quell'incontro, al posto del Direttore Generale ci ritroviamo un Commissario, di cui si intravede sporadicamente l'ombra, mentre del Piano Sanitario neanche quella.
Ed è banalmente prevedibile che una struttura complessa e importante come l’IRCCS-CROB, se privata di una autorevole e competente direzione generale e sanitaria non può che scontare difficoltà organizzative e di reperimento di personale medico e di ricerca, che ovviamente influiscono negativamente sulla attività della stessa.
Tutta questa vicenda - conclude Rocco Pappalardo lanciando un allarme - mi ha riportato alla mente un interessante articolo, che ho letto qualche tempo fa, riguardante le più comuni strategie di manipolazione utilizzate nella comunicazione.
Tra queste ce n'è una denominata "Problema-Reazione-Soluzione", secondo la quale si crea il problema, si causa una certa reazione nel pubblico, per poi proporre la soluzione.
A Napoli direbbero: “chi fraveca e sfraveca, nun perde maje tiempo”.
Solo che, mai come in questo caso, di tempo da perdere non ce n'è più; non se lo possono consentire i numerosi pazienti lucani e non, che nel nostro CROB ripongono una speranza di vita.”