"I Colori della Scienza": in mostra i lavori di 300 studenti lucani Realizzati dopo corsi e seminari scientifici

Comune di Potenza

Museo archeologico provinciale "M. Lacava"
dal 11 gennaio 2020 fino al 31 gennaio 2020

Organizzazione: Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, UNIBAS, CERN, con il patrocinio della Provincia di Potenza, del Centro di Geodesia Spaziale di Matera, IMAA CNR, Società Chimica Italiana, Creations, Art@CMS

“I Colori della Scienza”: in mostra i lavori di 300 studenti lucani
Realizzati dopo corsi e seminari scientifici
Potenza, sabato 11 gennaio 2020 – museo provinciale – inaugurazione ore 17:00


I lavori realizzati da circa 300 studenti di dieci istituti secondari superiori della Basilicata faranno parte della mostra “I Colori della Scienza”, organizzata dall’Università della Basilicata con l'Istituto nazionale di Fisica Nucleare (Infn) e il Cern di Ginevra, nell’ambito del progetto “Art & Science Across Italy”: l’esposizione sarà inaugurata sabato 11 gennaio 2020, alle ore 17 nel museo archeologico provinciale di Potenza, e sarà aperta fino al 31 gennaio 2020. La mostra presenta i lavori degli studenti “ai quali – hanno spiegato gli organizzatori - è stato chiesto, dopo una serie di seminari di studio tenuti da docenti di varie discipline, di esprimere in forma artistica le loro impressioni sulla ricerca fondamentale in fisica, biologia, chimica, geologia e matematica, molte d'interesse dell’Infn”. Il 3 febbraio 2020, nel teatro “Stabile” di Potenza, saranno assegnati dei riconoscimenti alle opere più interessanti, e verranno resi noti i lavori che parteciperanno alla seconda e ultima fase di selezione nazionale prevista a Napoli a maggio. L’iniziativa rientra in un più ampio progetto del l’Infn, che vede coinvolte altre dieci città italiane (Firenze, Genova, Matera, Milano, Napoli, Pisa, Padova, Potenza, Roma, Torino), con altrettante mostre locali ed una grande esposizione finale a Napoli. I ragazzi che avranno presentato i lavori artistici “che meglio comunicano i concetti di ricerca e di scienza vinceranno un soggiorno nel Cern di Ginevra, dove potranno vivere un’esperienza unica tra seminari ed esperimenti in uno dei più importanti laboratori del mondo”. Il progetto è stato realizzato con il contributo del fondo etico della Bcc Basilicata e con il patrocinio del Centro di Geodesia Spaziale "G. Colombo" di Matera dell'Asi, del Cnr-Imaa e della sezione di Potenza della Società Chimica Italiana. “Come sosteneva Primo Levi – ha detto la Rettrice dell’Unibas, Aurelia Sole - la separazione tra le due culture, umanistica e scientifica, e dunque nel nostro caso tra Arte e Scienza, è innaturale, perché le ‘due culture’ sono in realtà una sola, indissolubilmente connesse tra loro e parte inseparabile della cultura dell’uomo. Arte e scienza si influenzano, si ispirano reciprocamente, fanno parte del mondo umano. Con questo progetto abbiamo voluto affrontare questo tema con gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado, in una originale azion di alternanza scuola-lavoro, sintetizzando molto bene il compito dell’Università di coniugare i saperi, avvicinare i giovani a progetti culturali coinvolgenti, interdisciplinari e utili allo sviluppo dello spirito critico, e dunque adeguati all’evoluzione della complessa società in cui viviamo”. Il Prorettore al Public Engagement dell'Unibas, Nicola Cavallo, ha spiegato di “non voler anticipare nulla”, ma “senza dubbio, la creatività dei ragazzi che in quest'anno e mezzo hanno partecipato al progetto, sta per rivelare in questa mostra aspetti quasi inattesi. Sono molto soddisfatto non solo per la straordinaria partecipazione attiva dei ragazzi alle conferenze, seminari, visioni di film e quant'altro abbiamo loro proposto ma anche per la passione che hanno riposto nel congegnare, progettare e realizzare questi lavori. I ragazzi hanno compreso che questo era un progetto per loro, fatto da loro e di cui, proprio nell'allestimento della mostra, loro sono gli unici protagonisti”. L’inaugurazione della mostra sarà preceduta dai saluti della Rettrice, Aurelia Sole, del Presidente della Provincia di Potenza, Rocco Guarino, e del Direttore del Museo Archeologico Provinciale di Potenza, Enrico Spera, e dagli interventi del Prorettore Nicola Cavallo, della Direttrice dell'Ufficio Scolastico Regionale, Claudia Datena, e della Presidente Banca di Credito Cooperativo di Laurenzana, Teresa Fiordelisi.

PROGRAMMA INAUGURAZIONE MOSTRA

Ore 17
Saluti
Aurelia SOLE (Rettrice dell'Università degli Studi della Basilicata)
Rocco GUARINO Presidente della Provincia di Potenza
Enrico SPERA Direttore del Museo Archeologico Provinciale di Potenza

Interventi
Nicola CAVALLO - Università degli Studi della Basilicata)
Claudia DATENA - Direttrice dell'Ufficio Scolastico Regionale della Basilicata
Teresa FIORDELISI - Presidente Banca di Credito Cooperativo di Laurenzana

A seguire visita alla mostra (ingresso gratuito) 

Per saperne di più